When you buy through links on this site, I may earn an affiliate commission at no extra cost to you. Learn more.

L’argilla polimerica può asciugarsi all’aria senza cottura?

L’argilla polimerica è un mezzo popolare per i creatori e gli scultori, in particolare quelli che realizzano gioielli, ninnoli o oggetti di arredamento. Sebbene l’argilla polimerica sia conosciuta come l’argilla che viene cotta in forno per essere indurita, potreste chiedervi se sia possibile asciugare all’aria le vostre creazioni polimeriche. Dopo aver fatto ricerche sui marchi più famosi di argilla polimerica e aver consultato esperti di crafting, abbiamo trovato la risposta a questa domanda.

Non è possibile essiccare all’aria l’argilla polimerica. È necessario cuocere i pezzi finiti in forno, secondo le indicazioni del produttore, per polimerizzarli correttamente.

Insieme a noi esploreremo il processo di essiccazione e discuteremo di cosa succede se si asciuga l’argilla polimerica all’aria. Condivideremo anche alcuni trucchi per l’essiccazione che potrete utilizzare se la cottura in forno non è un’opzione!

Come indurire l’argilla polimerica

Dopo aver finito di scolpire la vostra creazione, dovrete cuocerla in forno per farla indurire. Per completare questo processo è sufficiente il forno di casa, o anche un tostapane. Non è necessario portare la creazione in un forno professionale o in un forno commerciale. Ecco i passi da seguire per curare la vostra creazione:

1. Preriscaldare il forno

Consultate la confezione dell’argilla per sapere a quale temperatura il produttore raccomanda di cuocere l’argilla. Accendere il forno a questa temperatura e attendere che sia completamente preriscaldato prima di infornare. Si consiglia di verificare la temperatura del forno con un termometro per assicurarsi che sia accurata. Questo vi eviterà la frustrazione di avere un pezzo che impiega molto più tempo a cuocere e lo strazio di avere il pezzo bruciato.

2. Preparare la creazione per il forno

Posizionate la vostra creazione su una superficie sicura per il forno prima di metterla in forno. Scegliete il recipiente migliore per il tipo di progetto che avete creato. Ad esempio, una teglia di vetro o una teglia di metallo offrono una superficie solida che mantiene stabili le sculture. Si può scegliere di foderare la teglia con un foglio di alluminio o di carta pergamena per evitare che si attacchi e si bruci. I dettagli modellati possono essere cotti direttamente all’interno degli stampi se questi sono realizzati con materiali sicuri per il forno, come il silicone.

3. Cuocere

Cuocere il pezzo per il tempo consigliato dal produttore dell’argilla. La maggior parte delle marche di argilla riporta le istruzioni di cottura direttamente sulla confezione, mentre altre possono fornire istruzioni dettagliate e suggerimenti sul loro sito web. Se il produttore dell’argilla raccomanda un tempo basato sulle dimensioni del pezzo, assicuratevi di misurarlo prima di metterlo in forno. Per un pezzo di spessore variabile, cuocere per la quantità di tempo raccomandata per la parte più spessa.

4. Sfornare e raffreddare

Quando il pezzo è completo, toglierlo dal forno e lasciarlo raffreddare completamente. Solo dopo che il pezzo si sarà completamente raffreddato sarà possibile capire se è completamente indurito, quindi risparmiate un po’ di tempo e tenete il forno acceso mentre il pezzo si raffredda. Una volta che il pezzo è completamente raffreddato, potete verificarne la cottura premendo con l’unghia sul fondo del pezzo. Se l’unghia non riesce a penetrare nell’argilla, allora il pezzo è completamente indurito.

Se il pezzo è completamente polimerizzato, si può procedere con le rifiniture, se lo si desidera. Se dopo il raffreddamento il pezzo non è completamente indurito, potete rimetterlo nel forno preriscaldato e cuocerlo più a lungo.

Un consiglio utilizzato da esperti artigiani è quello di cuocere un pezzo di prova di argilla della dimensione esatta della creazione che si desidera curare. Mettete questo pezzo di prova nel forno per il tempo consigliato e verificate la cottura del pezzo dopo che si è raffreddato completamente.

Se il risultato è quello desiderato, potete essere certi che il vostro pezzo uscirà perfettamente utilizzando la stessa temperatura e lo stesso tempo di cottura. Dato che si tratta di un passaggio in più e che consuma parte della vostra argilla, potreste scegliere di rinunciare a questo metodo se siete dei creatori occasionali. Tuttavia, può valere la pena di fare questo sforzo se si lavora a scopo di lucro e si vogliono ridurre al minimo le congetture.

Essiccazione all’aria dell’argilla polimerica

Abbiamo stabilito che l’argilla polimerica deve essere cotta in forno per essere indurita correttamente. Ma vi starete chiedendo che cosa succede se ignorate questo consiglio e asciugate comunque all’aria. La risposta semplice è che non succederà nulla. Questo non significa solo che non succederà niente di male, ma anche che non succederà niente del tutto.

È impossibile asciugare all’aria l’argilla polimerica perché semplicemente non si secca se esposta all’aria. Questo è un vantaggio dell’argilla polimerica, perché si può lasciare il progetto incompiuto fuori e riprendere da dove si era interrotto quando si ritorna.

Altre alternative

Alternative alla cottura in forno

Sebbene il forno sia sempre il metodo più consigliato per curare l’argilla polimerica, ci sono degli accorgimenti che si possono usare per evitare l’uso del forno. Anche un asciugacapelli o una pistola termica possono fornire un calore sufficiente a polimerizzare le creazioni in argilla polimerica, soprattutto se di piccole dimensioni. Per questo metodo, è sufficiente posizionare la creazione su una superficie resistente al calore e applicare il calore con l’asciugacapelli o la pistola termica. Fate attenzione a quanto tempo impiega la vostra creazione a polimerizzarsi, perché un surriscaldamento o una bruciatura con questo metodo possono essere disastrosi. Sebbene l’argilla polimerica non sia tossica, emette fumi tossici quando viene surriscaldata.

Se possibile, utilizzate un forno per polimerizzare i vostri pezzi, ma se dovete usare un metodo alternativo, fate attenzione a non surriscaldare il pezzo o a non lasciare la fonte di calore su un’area del pezzo troppo a lungo.

Tutte le argille polimeriche devono essere cotte al forno?

Sì. Tutte le marche di argilla polimerica indicano di cuocere l’argilla per curare il pezzo. L’argilla polimerica non indurisce o si asciuga se lasciata esposta all’aria, quindi non sarà possibile utilizzare o conservare il pezzo in modo permanente se non viene curato correttamente con il forno.

Quanto tempo ci vuole per indurire l’argilla polimerica?

La quantità di tempo necessaria per indurire un pezzo dipende dalle sue dimensioni. I tempi possono variare anche in base alla marca di argilla utilizzata. Sculpey, una famosa marca di argilla polimerica, raccomanda di aumentare il tempo di cottura a seconda dello spessore del pezzo. Per ogni 1/4&#8243 di spessore, il pezzo deve essere cotto per 30 minuti. D’altra parte, Fimo, argilla polimerica prodotta da Staedtler, raccomanda un tempo standard di 30 minuti indipendentemente dallo spessore del pezzo.

Perché la mia argilla polimerica non si indurisce?

Potreste scoprire che la vostra argilla non si indurisce anche dopo aver seguito le istruzioni di cottura della marca. Uno dei motivi potrebbe essere che il forno non è stato impostato alla giusta temperatura. Lasciate che il vostro forno si preriscaldi alla temperatura corretta prima di cuocere l’argilla e usate un termometro per assicurarvi che la temperatura del vostro forno sia accurata.

Se la temperatura del forno è accurata e corretta, è possibile che l’argilla debba essere cotta più a lungo. Questo vale soprattutto per i pezzi più grandi o più spessi. Tenete l’argilla in forno un po’ più a lungo e vedete se iniziate a notare una differenza.

L’argilla polimerica e l’argilla essiccata all’aria sono la stessa cosa?

Sebbene possano essere simili nella consistenza e nel modo in cui si lavora con loro quando si scolpisce, c’è una grande differenza che li distingue. L’argilla polimerica deve essere curata in un forno per indurirsi, mentre l’argilla essiccata all’aria si indurisce se lasciata esposta all’aria. L’argilla polimerica è la scelta migliore se volete che i vostri pezzi siano resistenti e impermeabili, mentre l’argilla secca è più facile da lavorare e non ha bisogno di essere preparata in alcun modo prima dell’uso.

Ci sono diversi tipi di argilla essiccata all’aria?

L’argilla essiccata all’aria non esiste in diversi tipi, ma in diverse marche. Alcune marche sono più adatte a progetti professionali, mentre altre sono più adatte a progetti occasionali o per bambini. Naturalmente, Crayola è leader nel mercato dei progetti per bambini. L’argilla Crayola è facile da lavorare, non è tossica ed è disponibile in molti colori e texture che piacciono ai bambini.

Clicca qui per vedere questa confezione di argilla su Amazon.

Creative Paperclay è una buona scelta per i progetti professionali. È facile da lavorare e può essere intagliata o levigata dopo l’asciugatura. Questa argilla è disponibile solo in bianco, ma trattiene molto bene la vernice. Nel complesso, questa argilla è una buona scelta per i principianti ed è abbastanza resistente per gestire le tecniche che gli scultori più avanzati potrebbero impiegare.

Clicca qui per vedere questa argilla, disponibile in diverse quantità, su Amazon.

Riepilogo

Non si può evitare di cuocere l’argilla polimerica per polimerizzarla. Tuttavia, ci sono molti vantaggi nell’utilizzare l’argilla polimerica per le vostre esigenze di crafting. Resistente e impermeabile, l’argilla polimerica può essere utilizzata per qualsiasi cosa, da sculture e decorazioni di grandi dimensioni a piccoli ciondoli o dettagli per altri progetti di crafting. Se l’argilla polimerica è la scelta del mezzo per le vostre esigenze, potete essere certi che tutto ciò che dovete fare è seguire le semplici istruzioni per la cottura e avrete un pezzo perfetto.

Per ulteriori informazioni sull’argilla polimerica, date un’occhiata a questi articoli:

L’argilla polimerica può bagnarsi? È impermeabile dopo la cottura?

Si può levigare l’argilla polimerica?